Close
RSS

Astrua Magazine

I cinque "Must Have" del Portagioie -martedì 6 marzo 2018
Salone di Ginevra 2018 Ci sono gioielli che non passano mai di moda e che ogni donna dovrebbe avere nel proprio portagioie. Alcuni sono semplici monili che possono completare con un tocco di luce il proprio look, altri, invece, sono preziosi entrati nell’immaginario come dei must have [..]
Nel cuore dell'Alta Orologeria a Ginevra -venerdì 19 gennaio 2018
Salone di Ginevra 2018 Anche quest'anno Ginevra si conferma la capitale mondiale del lusso orologiero, ospitando la nuova edizione del Salone Internazionale dell'Alta Orologeria che si svolge dal 15 al 19 gennaio 2018. Un evento che parte da lontano, ma che guarda al futuro: da ventotto anni infatti le Maison partecipanti presentano al Salone tutte le novità che detteranno tendenza, dando vita a un mondo dove emozione, savoir-faire orologiero [..]
Il tempo dell'orologeria a Ginevra -venerdì 28 aprile 2017
Salone di Ginevra 2017 Sono pochi ma importantissimi gli eventi che dettano il tempo nell'orologeria svizzera: centrali i saloni di Ginevra a gennaio e quello di Basilea a marzo. Utili per vedere in anteprima tutte le novità e tastare il polso - scusate il calembour - della situazione. Si è appena concluso il ventisettesimo salone dell'Alta Orologeria a Ginevra: la prestigiosa fiera ideata nel 1991 dal gruppo Richemont accessibile su invito con una giornata aperta al pubblico.
Natale, ulteriore occasione per i collezionisti vintage - Non che i collezionisti debbano trovare per forza una scusa per acquistare un oggetto del desiderio che sia storia e mai passatismo, ma in un periodo in cui le aste registrano seguiti da record e in cui le rivalutazioni continuano ad andare alle stelle siamo quasi certi che la scelta di un presente per i collezionisti ricadrà su un segnatempo vintage.
Il CONCEPT ASTRUA TORINO -venerdì 28 aprile 2017
Torino per Astrua non è un luogo, non è neppure "solo" la storia, tanto meno un negozio. E' un vero e proprio mondo per tutta la gamma delle eccellenze offerte, per la loro collocazione spazio-temporale, in una sorta di casa-museo aperta agli affezionati. E' il frutto di una tradizione che è sinonimo di inappuntabilità e di una prospettiva, visto che, come ha affermato Carolyn Christov-Bakargiev
Montblanc Senza dubbio Montblanc ha recentemente fatto il suo ingresso nel novero delle marche produttrici con l’assorbimento di Minerva e soprattutto con i nuovi, inimitabili modelli che puntano sempre più in alto. E’ l’incedere di una Maison che mette in sequenza i modelli realizzati nell’orologeria, prodotti liberamente senza alcun desiderio di compiacimento, ma costruendo un immaginario in cui il mantenimento di uno stile ben preciso e l’eleganza sottendono all’idea di un lusso più a portata di mano, ma inconfondibile rispetto agli alti standard qualitativi.
Astrua Gioielli Valter Franco Ricci LE GIOIE DI NATALE – Se il design è forma, funzione e sintesi progettuale nella gioielleria la linea ricalca soprattutto il ricordo, l'affetto o un'emozione. Non è solo un'astrazione, ma una rivisitazione del sentimento, un'estensione dei valori della famiglia. I gioielli Valter Franco Ricci sono poetici omaggi alla forza e alla sobria eleganza della donna che vive appieno il nostro tempo, che sa accogliere nel quotidiano frammenti di "Atma", vale a dire di "anima del mondo" o meglio di "felicità interiore e prosperità".
Rolex Al posto del ‘vecchio’ 3135 monta il nuovo calibro 3235: è l’iconico Datejust 41 in acciaio e oro giallo con lunetta zigrinata e bracciale jubilé completato con un sistema di attacco alla cassa più moderno e funzionale (rispetto al modello montato su cassa da 36 mm) e quello in acciaio e oro Everose con lunetta liscia ed un'ampia selezione di quadranti.
Panerai e i nuovi modelli -venerdì 28 aprile 2017
Panerai Dici Officine Panerai e viene subito in mente un colore: il blu oltremare dei quadranti appartenenti ai nuovi segnatempo 2016 "Blue Dial" caratterizzati anche dalla finitura "satiné soleil", a ricordare ancora una volta i mutevoli giochi dell'acqua e dei suoi riverberi prolungati idealmente dal cinturino in pelle blu con cuciture écru a contrasto, andando ancora una volta a rimarcare lo spirito leggendario che lega il marchio fiorentino di alta orologeria
Nel suo eclettismo minimale che non va sopra le righe , ma porta alla massima evidenza la cura del dettaglio nelle scelte delle finiture, Tudor Pelagos Lhd parla il linguaggio non convenzionale del creativo. Si dice infatti che i mancini potrebbero essere decisamente più creativi dei destrorsi avendo maggiori capacità visivo-spaziali e sfruttando di più l’emisfero destro del cervello, secondo recenti studi scientifico-comparativi.
top