Close

L'orologio, questo sconosciuto (parte III)

lunedì 24 aprile 2017

 

L’orologio questo sconosciuto (parte III)

 

orologio sconosciuto iiiTornando ai giorni nostri, vediamo in poche parole di capire come funziona l'orologio, più o meno. Le lancette girano perchè c'è una fonte di energia che le muove, questo è chiaro. Tale fonte può essere una pila - ma qui tralasceremo di parlare degli orologi al quarzo - oppure una molla: l'orologio meccanico, sia manuale sia automatico, lavora con questo principio.
 
Nell' orologio a carica manuale, girando la corona di carica la molla ad essa collegata si arrotola su se stessa all'interno di un contenitore cilindrico chiamato bariletto e successivamente comincia a srotolarsi per ritornare alla posizione iniziale, fornendo l'energia di cui l'orologio ha bisogno per muoversi, grazie al movimento circolare che il bariletto comunica alle ruote a questo connesse.
 
Stesso discorso con l'orologio automatico, ma in questo caso non è la corona che carica la molla (anche se ogni orologio automatico mantiene sempre anche la carica manuale): è il rotore - cioè la massa oscillante visibile negli orologi con fondello a vetro zaffiro - a compiere questo lavoro, girando attorno al proprio centro grazie ai movimenti del nostro polso.
 
La molla, srotolandosi, fa contemporaneamente girare una serie di ruotismi ad essa e tra loro collegati; alla parte superiore dei perni di alcuni di questi, comunicanti con il quadrante, sono fissate le lancette (chiamate in gergo tecnico sfere) che, a seconda dei rapporti matematici di dimensione che intercorrono tra le ruote sottostanti, fanno un giro di 360 gradi sul quadrante in tempi diversi: la lancetta delle ore impiegherà dodici ore, quella dei minuti 60 minuti e quella dei secondi 60 secondi. (...segue)

 

top