Close

Gondolo 5200G: la ‘forma’ dell’armonia

mercoledì 26 aprile 2017

 

Gondolo 5200G: la ‘forma’ dell’armonia

 

Gondolo 5200G Patek PhilippeGondolo 5200g Noi specialisti del settore diamo per scontato che il nostro gergo tecnico sia comprensibile a tutti.

Parliamo di 'sfere', intendendo le lancette, e spesso i clienti cercano sul quadrante dell'orologio che mostriamo loro inesistenti elementi circolari (le 'sfere', appunto).

Crediamo che chi abbiamo di fronte sappia esattamente la differenza tra orologio a carica automatica, a carica manuale o al quarzo.  E invece talora ci sentiamo rispondere stupiti: "Ah, mi sta dicendo che per esempio dentro al mio orologio c'è una pila?".

Per fortuna capita di rado, ma capita. Anche la locuzione 'orologio di forma', che noi usiamo come sinonimo di orologio rettangolare, o quadrato (con tutte le variazioni sul tema), talvolta lascia perplesso il cliente che chiede "Di quale forma, scusi?".

Per gli appassionati di Patek Philippe, invece, non è possibile fare confusione: se dici loro "Orologio di forma" pensano subito "Gondolo", la collezione classica 'non tonda' della maison ginevrina. E quest'anno a Basilea proprio un Gondolo  figura tra le novità che più ci sono piaciute. Parliamo del Gondolo 5200G, in oro bianco, presentato con due quadranti, uno opalino chiaro e uno, che ci è sembrato magnifico, blu.

Si tratta di un orologio a carica manuale innovativo per la Maison, che ha studiato apposta il calibro 28-20 derivato del mitico Gondolo 10 days. Qui la riserva di carica viene fissata a 8 giorni, a causa della dispersione di energia dovuta a due vere e proprie novità, per un Gondolo di razza classica come questo: l'indicazione concentrica, intorno ai piccoli secondi, della data e dei giorni della settimana - la prima analogica e i secondi con una grande finestrella - che cambiano con scatto simultaneo richiedendo una certa dose di energia al movimento.

Nella parte alta del quadrante viene indicata la riserva di carica, a creare una piacevole simmetria verticale con le indicazioni sotostanti.

La cassa, di rara armonia, è - a misure leggermente variate - quella che abbiamo già apprezzato sui gondolo 5124, con la sinuosa doppia sagomatura sui lati e la forma incruvata della cassa, che si rivela ergonomica ed estremamente comoda una volta al polso.

Ma le 'chicche' di questo orologio non son certo solo estetiche, perché il Gondolo 5200G rappresenta anche il vertice del savoir faire tecnico orologiero di Patek Philippe: al suo interno, il calibro utilizza nello scappamento la tecnologia brevettata da Patek (Pulsomax e Silinvar), che grazie al silicio e alla curva particolare della nuova spirale rende migliore il lavoro dello scappamento, che rappresenta il punto nevralgico di ogni movimento, riducendo enormemente l'usura determinata dagli attriti. Insomma, un grande cuore meccanico per un grande Gondolo.
top